Giöxeppe Mazzin: diferénse tra e verscioìn

m (Bot: Aggiungo: ar:جوزيبي مازيني)
 
== A vitta ==
Giuseppe o l'ea figgio de Giacomo, mego e professö üniversitaio, e de Maria Drago, che ha l'ha avüô cuscì grande importanza in ta sö formazion spirituale. Doppo avei stüdiou filosofia, belle lettere e mëixinna, o seguiä finna ä laurea o corsoni o l'ha moddo de lezzestrenze i rapporti con i atri patrioti dell'ambiente zeneize do sö tempo: i fræ '''Ruffini''' (Giovanni, [[Jacopo Ruffini|Jacopo]], Agostin e Ottavio), '''F.Campanella''', '''Piero Torre'''. In to 1827 o se laurea e o l'intra in ta '''Carboneria'''. Dall'anno successivo o tegne unna rubrica letteraria, prima in sce l' ''Indicatore Genovese'' e poi in sce l' ''Indicatore Livornese''.
A zügno do 1821 o vegne arrestou in quanto protagonista di tumulti in ta gexa dell' üniversitæ. Rilasciou doppo pochi giorni o l'ha moddo de strenze i rapporti con i atri patrioti dell'ambiente zeneize do sö tempo: i fræ '''Ruffini''' (Giovanni, [[Jacopo Ruffini|Jacopo]], Agostin e Ottavio), '''F.Campanella''', '''Piero Torre'''. In to 1827 o se laurea e o l'intra in ta '''Carboneria'''. Dall'anno successivo o tegne unna rubrica letteraria, prima in sce l' ''Indicatore Genovese'' e poi in sce l' ''Indicatore Livornese''.
O 13 novembre 1830 o vegne imprexionou a seguito da delazion de unna spia, e o resta in to forte de [[Sann-a|Savonna]] figna ao 28 zennä 1831. In te questa occaxion, raxionando in sce i limiti da Carboneria e di sö scistemi, o progetta unna associazion ciù adatta ao contesto nazionale: a '''Giovane Italia'''. Espülso all'estero doppo esse sciortio de prexion, o passa in [[Svissea]],poi in [[Fransa]], in Corsica e in te l'Italia Centrale, (dove l'ea ancun in corso moti patriottici). Fallia a spedizion, o ritorna in [[Fransa]], a Marseggia (dove o pübblica a ''Lettera a Carlo Alberto''). In te questo periodo o fonda a Giovane Italia e o giornale con o meximo nomme. In to 1833 o l'è costreito a lasciä Marseggia pe a [[Svissea]]; fallisce dui tentativi insurrezionali in Savoia e in to Napolitan. L'anno doppo o fonda a '''Giovane Europa''' pe allargä o programma da Giovane Italia. E presciuin reazionarie o costrenzen do 1837 a annasene anche da a [[Svissea]], pe stabilise a [[Londra]]. Scioppæ e rivoluziuin do 1848 o torna in [[Italia]], a [[Milan]], dove o l'è in contrasto con o governo provvisoio, essendo contraio all'ünion da Lombardia con o [[Piemonte]]. O 21 zennä 1849 o popolo de [[Rumma|Romma]] o l'elezze rappresentante ä Costituente. Mazzini o l'arriva in ta Cittæ Eterna o 5 de marzo e o 30 do meximo meise o l'è eletto Triumviro. Cheita [[Rumma|Romma]] pe l'intervento franzeise, ghe tocca turna l'esilio a [[Londra]]. In ti anni successivi gh'è növi fallimenti di tentativi mazziniani: in to 1852 coa fuxilazion di Martiri de Belfiore; in to 1853 con l'insurrezion milaneise; con ätri moti do 1854 e 1855 e con a spedizion de Pisacane do 1857. O ritorna in [[Italia]] doppo l'armistizio de Villafranca ma fallisce o sö tentativo de invadde Stato Pontifiçio e Regno de [[Napoli]]. O collabora in to 1860 con Garibaldi pe preparä a spedizion di ''Mille''. In to 1863 fallisce un'ätra insurrezion, in Friuli. In te l'agosto 1870 o vegne arrestou a [[Palermo]] e imprexionou a Gaeta. Sciortio pe amnistia o va unn'ätra votta in esilio a [[Londra]]. O torniä in patria do 1872, muindo a [[Pisa]], dove o passiä i sö ürtimi giorni sotta o nomme fäso de ''dottor Brown''. I funerali, a [[Zena]], vedian unna straordinaia partecipazion de popolo. A memorialistica a n'ha tramandou che ''Pippo'', comme o l'ea ciammou dai amixi, o l'ea appascionou de muxica e bravo a sönna a chitara. O l'è stæto proprietaio de ün di urtimi esemplari de mandolin zeneize (diverso da quello napulitan perchè con sei corde e accordou comme unna chitara).
 
Utente anonnimo